Criteri di scelta per l’acquisto delle plastificatrici a freddo: caratteristiche, prezzi, marche e consigli per la scelta

Non c’è ambito, lavorativo e non, che non richieda l’impiego massiccio di carte e documenti.

Per preservarli c’è la plastificatrice, un apparecchio di grande utilità che serve proprio a rendere inattaccabili dal tempo e dall’uso ogni tipo di materiale cartaceo.

In casa, in ufficio, in azienda non si contano i prodotti che si possono plastificare, il cui salvataggio è delegato a queste macchine reperibili in commercio in una miriade di prezzi e varianti, dalle apparecchiature multifunzionali alle più semplici e basiche.

A caldo o a freddo?

Fra le tante differenze che distinguono una plastificatrice dall’altra incide il tipo di procedimento.

In particolare, per quanto riguarda il metodo di plastificazione, si ravvisano due metodi: a caldo o a freddo.

Queste macchine, infatti, possono lavorare a caldo o a freddo oppure addirittura in entrambi i modi, riuscendo ad alternare entrambe le procedure, come si può evincere da questo video.

In quest’ultimo caso assistiamo a plastificatrici ibride, con funzioni integrate di laminatrice, il cui costo ovviamente sale in rapporto alle funzionalità avanzate e versatili di cui dispongono.

Purtuttavia, anche in questo caso, non si raggiungono cifre stellari, in quanto i costi di una plastificatrice non superano in nessun caso tetti limite, fatta eccezione per grossi macchinari ad uso industriale che possono arrivare a sfiorare anche diverse migliaia di euro.

Nella media, comunque, ci si mantiene nell’ordine di decine o centinaia di euro per l’acquisto di una plastificatrice efficiente e funzionale.

Se parliamo di plastificatrici a caldo, si hanno macchine a rulli, che vanno preriscaldati per far aderire perfettamente le pouches, speciali pellicole trasparenti o colorate che fungono da collante al foglio per via dell’azione termica esercitata dalla macchina.

Dai rulli usciranno, pertanto, documenti, carte e cartoncini, ma anche foto, foglie e molto altro perfettamente plastificati, lucidi, induriti, lisci e senza ombra di bollicine.

Il metodo a freddo

Diverso il metodo a freddo, che consiste in un’operazione analoga dove anziché il calore viene sfruttata soltanto la pressione dei rulli, a più passate.

L’azione reiterata dei rulli consente alla plastica di aderire al foglio fino a far diventare lo stesso e la pouche un tutt’uno.

I modelli ‘2 in 1’

In linea di massima, le plastificatrici a caldo sono più costose delle omologhe a freddo, dette anche laminatrici.

Ciò perché in genere sono più potenti e rapide nell’elaborazione della materia prima, soprattutto se si richiede un uso frequente e massivo.

Nel dubbio si può acquistare, con un esborso maggiore, una macchina che lavora a caldo o a freddo, così da poterla gestire autonomamente in entrambi i casi, a seconda dei bisogni contingenti. In tutti i casi è consigliabile valutare ‘a priori’ il tipo d’uso a cui è destinata questa macchina, per poter scegliere il modello più rispondente ai propri bisogni.

Sebbene le plastificatrici a caldo siano le più usate e vendute, nonché le più popolari sul mercato di settore, anche le macchine a freddo sono in grado di raggiungere risultati più che soddisfacenti.

Va sfatato il concetto che le plastificatrici a caldo siano migliori, in quanto anche quelle a freddo si rivelano altrettanto efficienti e in certi casi persino più consigliabili.

Ad esempio, sono preferibili ai modelli a caldo laddove si debbano elaborare materiali a rischio di deterioramento a contatto con fonti di calore.

Fra i prodotti da plastificare a freddo si registrano fogli di grosso formato e materiali come il Pvc, ma anche in altre situazioni questo genere di macchine si rivela una valida alternativa, in grado di garantire ottime performance a chi le utilizza.

Ma vediamo di conoscerle meglio, andando a spigolare fra le macchine a freddo più in voga al momento sul mercato delle plastificatrici, professionali e non.

Le regine del mercato

Se vogliamo andare sul sicuro si può bussare a casa Leitz per trovare il meglio in fatto di plastificatrici a freddo manuali.

I modelli della linea Leitz sono macchinari particolarmente utili in casa, ma anche nei piccoli uffici, in grado di plastificare manualmente qualsiasi tipo di documento nel modo più semplice possibile e con risultati eccellenti.

Potete provarle per plastificare non solo fogli e tagliandi, ma anche foto ed altri documenti di diversi formati, fino all’A4.

Le macchine Leitz dispongono di taglierina removibile, in dotazione con l’apparecchio, che serve a rifilare a regola d’arte i contorni del documento da plastificare.

Per non sbagliare il procedimento le plastificatrici Leitz sono provviste di una guida di allineamento che agevola l’inserimento del foglio in modo facile e intuitivo, pressoché perfetto.

Inoltre, dispongono di bobine di pellicole plastificate che consentono la realizzazione di cicli multipli di lavorazioni in sequenza.

I documenti escono dai rulli della macchina belli stirati e senza bolle, con risultati apprezzabili e più soddisfacenti.

Di qui il gradimento di queste apparecchiature ormai divenute indispensabili per facilità, convenienza e scarso ingombro sia ad uso domestico che in ufficio, ottime per la plastificazione di fascicoli, badges e carte geografiche.

Per utilizzi casalinghi questi dispositivi si prestano a plastificare foto, disegni, diplomi, calendari e molti altro.

Queste macchine funzionano manualmente a freddo, non servono prese elettriche o batterie, è sufficiente imprimere una forte pressione a una sorta di manopola che gira e permette di spianare il documento preventivamente inserito nella pouche che diventa un ‘unicum’ con la materia prima.

Punti di forza

I punti di forza di queste plastificatrici sono la compattezza e il prezzo, sotto i 100 euro.

Ottime anche le laminatrici manuali a freddo di marca Techlifer.

La loro velocità di laminazione può essere gestita in autonomia da 0 a 4 minuti, grazie all’intervento di un rullo laminatore del diametro di 105 mm.

In questo caso il procedimento non è soltanto manuale, ma può essere anche elettrico, applicabile su foto, poster e acquerelli, oltre che su carta.

Le migliori ‘under 100’

Sempre nella fascia ‘under 100’ si piazza fra le proposte più gettonate la plastificatrice a freddo Xyron.

Nella sua accattivante veste blu traslucida, questa macchina offre un trattamento di plastificazione fronte-retro, che conferisce una particolare brillantezza cromatica soprattutto a foto, mappe e disegni.

In alternativa, garantisce una speciale elaborazione adesiva permanente che protegge il materiale oggetto del trattamento.

Più specificamente, l’adesivizzazione ottenibile con questa plastificatrice, economica ma estremamente versatile e prestazionale, si manifesta nella produzione di adesivi riposizionabili da applicare, alternativamente, su carta, muri, stampe e cartellonistica.

Sono una giornalista pubblicista dal cuore ‘etrusco’ ma vivo a Spoleto per scelta e per amore. Scrivo e leggo da sempre, con una spiccata curiosità per l’attualità, il mondo della comunicazione e la tecnologia che ha rivoluzionato il mercato.

Back to top
menu
plastificatricimigliori.it