Guida all’acquisto online delle plastificatrici: cosa considerare? Consigli, accortezze per la scelta, caratteristiche, prezzi

A differenza dei file digitali,  i materiali cartacei tendono a deteriorarsi per azione dell’usura. del tempo e per mano di chi li utilizza. Per questo si rende necessario renderli il più possibile resistenti e inalterabili. Per ottenere questo risultato ci si può avvalere della plastificazione, un trattamento che ‘irrobustisce’ qualsiasi supporto cartaceo o di altra natura.

Se avete bisogno di plastificare un tesserino piuttosto che un segnaposto, un invito particolare,  una brochure o un semplice foglio vi serve una buona plastificatrice. Sì, ma dove trovarla? Partendo dal presupposto che non è un prodotto che si compra dal panettiere, la soluzione per un acquisto istantaneo è servirsi sul web. La rete pullula di siti e-commerce più o meno accreditati, portali di acquisti virtuali, generalisti o meno, che si fanno largo a suon di sconti e offerte.

Come scegliere la migliore plastificatrice su Internet

Per quanto ormai gli acquisti su Internet volino alto in qualsiasi segmento di mercato, in certi casi continua a prevalere lo scetticismo e c’è ancora chi tira il freno per gli acquisti online, che potrebbero rivelarsi fallaci, per via che non danno la possibilità di testare con mano la qualità del prodotto.
Nel caso delle plastificatrici il vantaggio dell’acquisto in rete è duplice. Da una parte, infatti, si ha la possibilità di spaziare fra innumerevoli offerte di mercato, potendo scegliere in un vasto ventaglio di proposte commerciali di ogni brand e tipologia, dall’altra si ha la quasi certezza di risparmiare sul prezzo, solitamente inferiore a quelli di listino dei prodotti commercializzati nei negozi fisici, proprio grazie alla valanga di  modelli esibiti in vetrina…virtuale, s’intende.

C’è da fidarsi?

Come scegliere la propria plastificatrice sui portali di e-commerce e sui siti di shopping online? È un acquisto sicuro o c’è il rischio di vedersi recapitare dal corriere un prodotto deludente e sotto le aspettative? Chi è avvezzo agli acquisti online (ormai un esercito di internauti) sa bene come evitare passi falsi e individuare, nella fattispecie, la plastificatrice migliore per design e sostanza, complici schede, manuali, tutorial, video e specifiche tecniche facilmente reperibili sia sui principali blog o portali settoriali, ma anche nelle descrizioni postate sui siti dei produttori.

Più che il grado di qualità della plastificatrice il segreto è chiedersi di quale macchina si ha bisogno, per poter centrare l’investimento e accaparrarci un modello che vi accompagnerà per anni gratificandovi con dosi industriali di documenti plastificati ‘à gogò’.

Sapevate, ad esempio, che una buona plastificatrice, se trattata coi fiocchi, può durare fino a 30 anni? Una vita! Un motivo in più per pazientare e concedersi il tempo necessario per esplorare in profondità cosa si cela dietro il tam tam di proposte commerciali che tartassa la rete.

Perché comprare online?

Oggi lo shopping online è diventato una consuetudine non più di nicchia, ma ultra diffusa soprattutto fra i giovani. Ma cosa spinge tanta gente a fare acquisti in rete? Fatte le dovute riserve, i vantaggi degli acquisti online sono molteplici e innegabili.

Vediamone insieme alcuni fra i più importanti:

  • Negozi online aperti h24 e 7 giorni su 7
  • Notevole risparmio grazie alla competitività di mercato e alle frequenti scontistiche e offerte promozionali
  • Minore perdita di tempo, data la velocità delle transizioni digitali.
  • Niente attesa e niente file alle casse.
  • Massimo assortimento di prodotti, alcuni dei quali difficilmente reperibili negli esercizi commerciali di zona.

Tutti aspetti che assumono ancora più rilevanza in situazioni che impongono adeguati distanziamenti e il contingentamento anche negli acquisti fisici.

Alla luce di queste considerazioni preliminari uno dei principali quesiti che si pone è dove comprare sul web.

Dal supermarket agli shop a tema

Oggi non è difficile trovare una plastificatrice anche sugli scaffali di un comune supermercato. Sono sempre più frequenti le promozioni ‘lancio’ che sbirciano dalle vetrine fisiche e virtuali anche dei negozi generalisti.

Grosse catene di distribuzione, alimentari e non, fanno leva sull’effetto ‘novità’ del prodotto che si candida al podio delle hit degli articoli più ambiti. In certi casi si registra la tendenza a sfruttare prodotti come le plastificatrici o altri device digitali come esche per ‘irretire’ i clienti e indurli a fidelizzarsi al punto vendita. E’ il caso di grossi colossi della distribuzione, come Eurospin o Lidl, che cavalcano quest’onda di mercato sempre propensa a stupire con offerte alternative.

In questo contesto, la disponibilità di prodotti utili e fuori dal seminato, quali appunto le plastificatrici, fa impennare la domanda della gamma merceologica dell’outlet di turno.

Le più vendute online

Per individuare i migliori modelli di plastificatrici disponibili in commercio un altro stratagemma, che può rivelarsi per certi versi illuminante o quantomeno orientativo, è il confronto.

Basta aprire una schermata sul pc o notebook per poter comparare i modelli più in voga del momento paragonando specifiche tecniche, funzionalità e componenti.

Un altro espediente per centrare l’obiettivo di una scelta azzeccata è andarsi a leggere le recensioni postate sulle varie laminatrici o farsi un’epica scorpacciata di tutorials, blog, shop e siti specializzati, quanto basta per essere inondati di info e offerte a tema.

Ma il sistema più efficace per non sbagliare acquisto è dare una rapida scorsa all’andamento del mercato su Amazon, l’e-commerce globale dove anche le plastificatrici, al pari di migliaia di altri top di gamma, occupano un segmento di mercato online di prim’ordine per qualità e assortimento.

Quali i modelli più gettonati? In primis, i meno cari

Non c’è dubbio che il prezzo basso sia un potente stimolo all’acquisto. Non sorprende che siano proprio i modelli ‘low cost’ a primeggiare nelle hit delle laminatrici più vendute online. I prezzi oscillano nella media fra i 30 e i 60 euro, ma si parla di plastificatrici ad uso personale. C’è anche da dire che pur essendo un ottimo incentivo allo shopping, il prezzo ‘low cost’ non sempre paga sul piano della qualità. Fra le più vendute spiccano le ‘mini-laminatrici’ compatte a caldo o a freddo con regolatori di carta e alti ritmi di plastificazione.

Altro discorso se ci spostiamo sul terreno delle laminatrici professionali, che si attestano su cifre anche di svariate migliaia di euro. In genere, si può riscontrare nel kit di altre plastificatrici anche un corredo di gadgets, in particolare set di cornici per valorizzare i propri lavoretti plastificati da esibire a casa, a scuola o in ufficio.

Sono una giornalista pubblicista dal cuore ‘etrusco’ ma vivo a Spoleto per scelta e per amore. Scrivo e leggo da sempre, con una spiccata curiosità per l’attualità, il mondo della comunicazione e la tecnologia che ha rivoluzionato il mercato.

Back to top
menu
plastificatricimigliori.it